Giugno 19, 2024

Liverpool, la squadra con il palmarès più ricco d’Inghilterra – Dalla A alla Z, le storie di tutti i Club europei più importanti

7 min read

Il Liverpool Football Club è una società calcistica inglese della città di Liverpool che milita in Premier League e gioca ad Anfield sotto la guida di Jürgen Klopp. La lista dei titoli collezionati dai Reds nella loro storia è lunghissima: 19 campionati inglesi di prima divisione (di cui l’ultimo nella stagione 2019-20); 8 FA Cup, 9 League Cup, 16 Charity/Community Shield (tra cui va annoverata anche quella vinta la scorsa settimana contro il Manchester City); e 4 campionati inglesi di seconda divisione (l’ultimo nel 1961-62). Queste sono le competizioni vinte in ambito nazionale, ma quanto hanno vinto i Reds fuori dall’Europa? Non poco, come lo dimostrano le 6 Coppe dei Campioni/Champions League, 3 Coppe UEFA, 4 Supercoppe UEFA e 1 Coppa del Mondo per Club alzata al cielo nell’inverno del 2019. Per quanto riguarda le competizioni internazionali, il Liverpool detiene il record inglese per il maggior numero di titoli sollevati, sia considerando il totale che ognuno dei singoli trofei

Le origini

Possiamo di certo dire che le origini e la nascita del Liverpool sono strettamente legati allo stadio in cui giocano oggi i Reds, ovvero Anfield. Perchè nell’attuale stadio del Liverpool, inzialmente, ci giocava l’Everton, nato prima, nel 1878. E quando la società dei Toffees decise di trasferirsi a Goodison Park ed abbandonare Anfield per via del canone d’affitto considerato troppo alto, John Houlding, usufruttuario del terreno, decise di fondare un nuovo Club calcistico che presentò alla Camera di commercio di Londra come Everton FC and Athletic Ground (perchè l’Everton non aveva ancora una ragione sociale formalmente registrata), ma il Consiglio calcistico decise di non iscrivere la squadra con quel nome, così il nuovo Club, il 15 marzo 1892, fu denominato Liverpool Association Football Club, e successivamente solo Liverpool Football Club. Nella sua prima stagione, il Club vinse la Lancashire League, e riuscì ad iscriversi al campionato di Second Division per la stagione successiva. La squadra vinse subito il campionato, centrando così la promozione in First Division, che vinse sia nel 1900-01 che nel 1905-06. Nel 1914, i Reds raggiunsero la loro prima finale di FA Cup, che però persero 1-0 contro il Burnley. Il periodo tra le due guerre mondiali, per la squadra di Liverpool non è bello da ricordare, caratterizzato solo dal triennio 1921-1923, dove i Reds vinsero la loro prima serie di titoli consecutivi.

Il Liverpool alla sua prima stagione, 1892-93.

La storia recente

Nel 1984 il Club vinse la sua quarta Coppa dei Campioni contro la Roma e l’anno dopo raggiunse un’altra finale, questa volta persa contro la Juventus. La finale in questione, però, fu quella della tristemente famosa “strage dell’Heysel”: prima della partita morirono ben 39 spettatori, di cui 32 italiani, a causa dei disordini provocati dai tifosi all’interno dello stadio. Il disastro dell’Heysel costò, alle squadre inglesi, l’esclusione per cinque stagioni consecutive dalle coppe europee (cosa che penalizzò soprattutto i rivali cittadini dell’Everton, che erano considerati al tempo la squadra migliore del mondo, proprio al pari del Liverpool) e ai Reds la pena aggiuntiva di un sesto anno di squalifica. Nonostante le tristi avvisaglie di quella sera di Bruxelles, cinque anni dopo avenne un’altra catastrofe: la strage di Hillsborough, a Sheffield, dove il 15 aprile 1989, nella semifinale di FA Cup, persero la vita 96 persone schiacciate contro una rete di acciaio, a causa di un errore della polizia locale che aprì un gate in più rispetto a quanto stabilito.

Il disastro dell’Heysel.
La strage di Hillsborough.

Tornando al calcio giocato, dopo i ricchi anni ’80, il Club venne guidato da Roy Evans, tecnico capace di vincere, rispettivamente nel 1992 e nel 1995, la Coppa d’Inghilterra e la Coppa di Lega. Il francese Gérard Houllier, sostituì Evans nel 1999, e nella stagione 2000-01 vinse un preziosissimo treble: Coppa di Lega, Coppa d’Inghilterra e Coppa UEFA contro gli spagnoli del Deportivo Alavés. Nella stagione 2004-05, poi, la grande affermazione internazionale: nella magica notte di Istanbul, il Liverpool, nel giro di sei minuti, rimonta lo 0-3 sul quale si era ritrovato e, ai calci di rigore, vince la sua quinta Champions League, contro i rossoneri del Milan.

Il capitano Gerrard che alza la coppa della Champions League nel 2005.

Nel 2006-07, il Liverpool disputò nuovamente la finale di Champions, sempre contro il Milan, ma questa volta, a spuntarla fu il Diavolo che vinse 2-1 grazie alla doppietta di Filippo Inzaghi. Dalla finale di Atene, il Club visse un periodo di delusioni, in cui l’unica affermazioni degna di nota fu la vittoria della Coppa di Lega 2011-12 contro il Cardiff. Simbolo di un’epoca poco brillante e decisamente sfortunata fu il 2° posto in campionato della stagione 2013-14 quando i Reds, guidati da Brendan Rodgers, si erano ritrovati in testa alla classifica fino alla 36° giornata, prima di quel famoso scivolone di Steven Gerrard di fronte alla Kop che permise al Chelsea di vincere lo scontro diretto di Anfield (i Blues erano secondi, a -4 dal Liverpool, ma con lo stesso numero di partite giocate) e al City (che invece aveva una partita de recuperare rispetto ai Reds) di vincere, in rimonta, la Premier League.

Lo scivolone di Gerrard che costò la sconfitta nel testa a testa in campionato.

A cambiare la musica ad Anfield fu l’arrivo, nel novembre del 2015, di Jürgen Klopp, chiamato proprio a sostituire Rodgers. Sotto la guida del tedesco, il Club ha cominciato a vivere quello che probabilmente è il periodo di maggior splendore della sua storia: nel 2017-18 arrivò la prima finale di Champions League, quella volta persa per 3-1 contro il Real Madrid a Kiev, mentre l’anno dopo i Reds si contesero il titolo di campione d’Inghilterra con il Manchester City, in una rivalità che durò fino all’ultima di campionato, e che alla fine vide prevalere i Citizens per un solo punto. La delusione in Premier vene ben presto cancellata con la sesta affermazione in Champions League, sollevata davanti al Tottenham, in una finale inglese che i Reds vinsero per due reti a zero.

Il capitano Henderson che alza la Champions nel 2019.

Dopo il trionfo europeo, il Liverpool di Klopp è riuscito ad affermarsi anche a livello nazionale, portando a casa un titolo di Premier League (nel 2019-20) capace di rompere una maledizione che durava da ben trent’anni, una FA Cup, una Coppa di Lega e un Community Shield (oltre ad una Supercoppa europea e ad un Mondiale per Club a livello internazionale). Grazie a questa serie di successi, dunque, si può tranquillamente dire che il Liverpool è tornato a dominare sia in Inghilterra che in Europa.

Sempre Henderson, che alza la coppa del campionato di Premier, a distanza di trent’anni nella storia dei Reds.

La scorsa stagione

Nel 2021-22, la squadra vinse, contro il Chelsea ai rigori, sia League Cup che FA Cup. Inoltre arrivò in finale di Champions League, di nuovo contro il Real Madrid (come nel 2018) e, come successe nella notte di Kiev, collezionò un’altra sconfitta, questa volta per 1-0. Quanto al campionato, il Liverpool concluse con un 2° posto, al termine dell’ennesima lotta fino all’ultima giornata con il Manchester City (che prevalse nuovamente per un solo punto), in una rivalità che sta incendiando il calcio inglese negli ultimi anni. Di certo non si può dire che i rossi di Liverpool abbiano fatto un brutto campionato: 92 punti totali, 28 vittorie, 8 pareggi e sole 2 sconfitte. Non male per un secondo posto.

Il momento in cui Vinicius Jr. segna il gol vittoria per il Real Madrid e condanna il Liverpool alla sconfitta.

La stagione 2022-23

Il Liverpool ha disputato un totale di cinque amichevoli: una sonora sconfitta per 4-0 contro il Manchester United; una vittoria per 2-0 contro il Crystal Palace; un rotondo 5-0 rifilato al Lipsia; e due inaspettate sconfitte ( 0-1 e 0-3) rispettivamente contro Salisburgo e Strasburgo. Nonostante questi risultati, la stagione è iniziata già con un trofeo, il Community Shield, arrivato dopo il 3-1 ai rivali del Manchester City. Quanto al mercato, i Reds hanno ceduto: Takumi Minamino al Monaco, Ben Davies ai Glasgow Rangers, Rhys Williams in prestito al Blackpool, Neco Williams al Nottingham Forest e, soprattutto Sadio Mane al Bayern Monaco. Divock Origi, infine, se n’è andato da svincolato al Milan. Capitolo acquisti: il colpo dell’estate per i rossi è Darwin Nuñez, arrivato dal Benfica per 80 milioni di sterline. Con lui, hanno firmato per il Club anche i giovani Calvin Ramsey dall’Aberdeen e Fabio Carvalho dal Fulham. La prima partita di campionato è stata giocata proprio contro il Fulham a Craven Cottage, laddove è arrivato un pareggio per 2-2: non il risultato che ci si aspettava, ma la stagione è solo iniziata.

Di nuovo Henderson, che questa volta alza il Community Shield, primo trofeo della nuova stagione.
Darwin Nuñez, neo acquisto del Liverpool in questa sessione di calciomercato.

Lo sapevate che?

  • Il Liverpool ha il palmarès più ricco d’Inghilterra.
  • I Reds, nel 1984, furono la prima squadra inglese a vincere 3 competizioni in una stagione: Coppa dei Campioni, League Cup e First Division.
  • Il Genoa fu la prima squadra italiana a sconfiggere il Liverpool ad Anfield, grazie ad un successo a Liverpool nei quarti di finale della Coppa UEFA 1991-92.

Lascia un commento