Giugno 19, 2024

Arsenal: fascino, tradizione e titoli nel Nord di Londra –  Dalla A alla Z, le storie di tutti i club europei più importanti

5 min read

L’Arsenal Football Club è una delle squadre più gloriose del calcio inglese. I Gunners,
come vengono soprannominati i giocatori in maglia biancorossa adesso guidati da Super
Mik Arteta, hanno una storia davvero ricca di successi, soprattutto in campo nazionale. Il
bottino totale recita infatti: 13 titoli di First Division/Premier League, 14 FA Cup, 16
Community Shield, 2 League Cup e, a livello internazionale, una Coppa delle Coppe e una
Coppa delle Fiere. Ci sono state poi anche singole annate che sono rimaste indimenticabili
nella mente e nel cuore dei tifosi, come quella del Double del 1971 e quella del titolo degli
Invincibles del 2003-2004, quando la squadra vinse il campionato senza mai perdere una
singola partita (e prolungò la striscia di imbattibilità fino alla stagione successiva).

La storica esultanza di Charlie George dopo aver segnato contro il Liverpool in finale di FA Cup nel 1971, titolo che, assieme alla vittoria del campionato, portò l’Arsenal alla conquista del double
L’Arsenal degli Invincibles

Le origini: Woolwich 1886

Verso la fine del 1886, un gruppo di lavoratori della fabbrica di armamenti Woolwich
Arsenal decise di creare una squadra di calcio. Si chiamarono Dial Square, in riferimento
alla meridiana posta in cima all’ingresso della fabbrica e giocarono, l’11 dicembre di quello
stesso anno, la loro prima partita (che si concluse con una rotonda vittoria per 6-0 contro
l’Eastern Wanderers).

L’Arsenal nei primi anni

Poco dopo, il nome cambiò in Royal Arsenal e si venne a creare anche un legame con il Nottingham Forest. Quando alcuni giocatori di questa squadra si trasferirono nella capitale, iniziarono a giocare per il club londinese e portarono con loro le famose divise rosse con le quali tanto il Forest e poi i Gunners si sono fatti riconoscere a livello mondiale.

Fu un certo Herbert Chapman, allenatore che fece la storia del Club, a
far aggiungere le maniche bianche caratteristiche della maglia che l’Arsenal usa ancora
oggi nelle partite in casa.

Nei primi anni di vita, i Gunners si muovevano tra una manciata di campi diversi nell’area
di Plumstead. Infatti, le prime gare si cominciarono a giocare a Plumstead Common ma,
dopo poco, il Royal Arsenal scelse di affittare il vicino Sportsman Ground di Plumstead
Marshes. Nel 1913 arrivò poi il trasferimento ad Highbury, vero tempio della squadra per
quasi cento anni.

Hihgbury (il settore con l’orologio è il Clock End, storica parte del vecchio stadio dei Gunners)

La storia recente

L’Arsenal, negli ultimi anni, ha continuato a vincere titoli importanti. L’anno dopo quella
fantastica stagione terminata con la vittoria del campionato senza mai essere sconfitti, il
Club è riuscito a vincere per la decima volta nella sua storia la FA Cup e ha messo le mani
anche sul Community Shield. Nel 2006, poi, i Gunners sono arrivati a giocarsi anche la
finale di Champions League, probabilmente uno dei punti più alti della storia del Club,
nonostante la sconfitta per 2-1 contro il Barcellona. Quella stagione, la 2005-2006, fu
anche l’ultima della gloriosa epopea di Highbury, il quale venne abbandonato per essere
poi sostituito dal nuovo e moderno impianto dell’Emirates Stadium.

Nella stagione 2013-2014, ha conquistato l’FA Cup, titolo che poi ha vinto di nuovo l’anno successivo, assieme al Community Shield, trofeo molto gettonato nella bacheca dei Gunners essendo stato
vinto anche nel 2016, nel 2018 e nel 2021. Tornando a parlare di FA Cup, il Club ne ha
vinte altre due dopo quella del 2014: una nel 2017 e l’ultima nel 2020. Nel 2019, l’Arsenal ha disputato una finale di Europa League contro i rivali del Chelsea, terminata però con una sonora sconfitta per 4-1. Nel 2018, poi, un altro grande pezzo della storia recente del Club ha detto addio: Arsène Wenger, manager per oltre 25 anni, ha lasciato la panchina dei Gunners dopo aver diretto oltre 1000 partite per la squadra del proprietario Stan Kroenke.

L’addio di Wenger

Tornando a parlare dei trofei, possiamo dire che l’Arsneal sia una delle squadre
con più titoli in Inghilterra. E proprio questo è motivo di sfottò nei confronti dei rivali eterni
del Tottenham. Gunners e Spurs, quando si incontrano danno vita al North London Derby,
la partita che entrambe le tifoserie sentono di più. Un grande classico del football inglese.

La scorsa stagione

La stagione 2021-2022 ha segnato una ripresa per i Gunners, i quali hanno decisamente
migliorato il risultato delle precedenti annate chiudendo al 5° posto in campionato.
Nonostante questo, un velo di delusione è rimasta nei tifosi biancorossi: con la sconfitta
contro il Newcastle, maturata nelle ultime giornate, l’Arsenal ha detto addio al sogno
Champions League, a cui puntava da inizio anno. In tutto questo, la beffa ulteriore è stata
che a prendersi il quarto posto e quindi la qualificazione nella massima competizione
europea è stato il grande rivale di sempre: il Tottenham.

Tuttavia, non si può parlare solo negativamente della stagione appena conclusa. Grazie
alle belle prestazioni, in particolare negli scontri prestigiosi con Chelsea e Manchester
United, e alle brillanti giocate di alcuni giovani talenti emersi negli ultimi tempi, i tifosi dei
Gunners possono guardare con speranza al futuro: grazie alla leadership dell’ex capitano
Mikel Arteta, il sole sembra essere pronto a sorgere nuovamente sull’Emirates.

La stagione in corso

Siamo ancora nel pre-season e la stagione vera non è ancora iniziata, ma vale la pena
parlare di quello che sta facendo l’Arsenal in questi giorni. Intanto, è una delle squadre più
attive in Europa sul mercato, avendo investito oltre 100 milioni di sterline in totale per giocatori
come Gabriel Jesus, Fabio Vieira e Zinchenko. Per quanto riguarda il campo, il Club poi ha
già disputato quattro amichevoli: contro l’Ipswich Town (vinta 5-1); contro il Norimberga (in
cui lo stesso Gabriel Jesus ha trovato i suoi primi gol con la nuova maglia); contro
l’Everton (vittoria 2-0) e contro l’Orlando City (successo dei Gunners per 1-3, sempre nella tournée americana).

Lo sapevate che?

  • Negli anni ’30, il modulo più utilizzato era il 2-3-5, fu proprio un allenatore dei
    Gunners, Herbert Chapman, a cambiare stile di gioco, adottando un 3-2-2-3 con
    cui vinse una FA Cup nel 1930;
  • L’Arsenal ha il record di vittorie consecutive fuori casa: 12, dal 3 marzo 2013 al 26
    ottobre sempre di quell’anno;
  • con 8 espulsioni, Patrick Vieira è il giocatore più espulso della storia della Premier,
    a pari merito con Duncan Ferguson e Richard Dunne.

Lascia un commento