Giugno 19, 2024

1 anno di Pochepalle.it

30 min read

Esattamente un anno fa, nasceva questo sito. E’ arrivato il momento di festeggiare.

In questo articolo, dunque, vorremmo ripercorrere la storia dal 21 luglio 2021 al 21 luglio 2022. Prima però, ha senso fare delle considerazioni e valutare come sia andata quest’avventura online in quest’arco di tempo. Sicuramente, questo primo anno è stato molto bello. Senza guardare le statistiche, cosa che non facciamo, possiamo dire di essere contenti di quello che abbiamo realizzato, perchè è ciò che si sperava di ottenere agli inizi di questo sito. Ci sono state delle cose che ci fa davvero piacere ricordare, degli articoli particolarmente belli o dei momenti che difficilmente dimenticheremo e adesso ne parleremo.

Storia

Tutto è cominciato, come già detto, il 21 luglio del 2021. Per essere precisi, la sera di quel 21 luglio. Il sito aveva appena preso vita e l’idea era quella di scrivere articoli sul mondo del calcio. La scelta del nome è avvenuta così: tra le denominazioni pensate, “Pochepalle” era quella più stupida, quindi è stato deciso di chiamare così il blog. Il perchè è molto semplice: innanzitutto, è un sito nato non con l’obiettivo di pubblicare il maggior numero di articoli possibile, senza porsi come obiettivo delel cifre percise, visto che, per via del fatto che il numero di utenti che lavorano qua sopra è basso e, soprattutto, l’idea era quella di trattare anche storie vecchie sul mondo del pallone, non solo le breaking news. Si pubblica solo quando si ha tempo, per voglia di raccontare qualsiasi cosa che, secondo chi scrive, merita di essere trattata in maniera più o meno approfondita. In realtà, quest’idea di trattare di meno le notizie e di più dei racconti principalmente sul calcio, ma anche su altri sport, è nata un po’ dopo. Infatti, nei primi mesi le news non mancavano ma, andando avanti nel tempo, ci siamo accorti che bisognava anche parlare di quello che lo sport ci ha lasciato la spalle. Così, andando avanti, con il passare del tempo, gli articoli sulle notizie sono stati sempre di meno, mentre i racconti sono aumentati. Adesso, per scelta, non si fanno nemmeno più articoli sulle news, si parla solo ed esclusivamente di storie riguardanti il mondo dello sport. Parlare delle breaking news non è “vietato” infatti se dovessero essercene alcune capaci di portare un cambiamento storico per lo sport, potremmo pensare di fare articoli a riguardo. Adesso cominciamo a riguardare i vecchi pezzi, arrivando ai più recenti. Facciamo mese per mese, gli articoli non sono sempre in ordine dalla data più vecchia alla più recente, ma sono stati pubblicati nei mesi che sono scritti in grande, come titolo.

luglio

Torniamo a quella sera del 21 luglio. Il sito era appena nato e c’era una forte voglia di scrivere qualcosa, di pubblicare un primo articolo. Ed ecco il primo pezzo della nostra storia:

Come suggerisce il titolo, si parlava dello scorso mercato estivo, delle trattative in corso in Serie A durante quei giorni. Ed appunto, in questo pezzo, ci sono scritte tutte le notizie di calciomercato che le fonti più importanti avevano riportato esattamente quel giorno. Questo è il testo: come si può vedere, erano scritte in maniera abbastanza “riassuntiva” o “schematica”. Per iniziare ci poteva stare, ma non è di certo uno dei migliori brani che siano mai stati pubblicati. Però ci si affeziona anche al primo, nonostante non sia granchè, è pur sempre il primo di tantissimi altri.

Il testo del primo articolo della storia del sito

Tra l’altro, come avrete letto, l’ultima notizia dice:”Ronaldo – Juve, rimane – Fabrizio Romano”. Erano quei giorni in cui molte pagine, tra le più importanti, come appunto Fabrizio Romano, diramavano tra le loro news quelle riguardo il futuro del fenomeno portoghese, dato che la sua permanenza in bianconero sembrava in discussione. Tuttavia, in molti pensavano sarebbe rimasto. Sappiamo tutti com’è andata a finire. La mattina successiva, vista la voglia di pubblicare un nuovo pezzo, è uscito un articolo su Triestina-Roma. Era un periodo in cui si parlava tanto del club capitolino, visto che stava per cominciare l’avventura di Josè Mourinho sulla panchina dei Giallorossi. Il campionato non era ancora iniziato e ci siamo dovuti accontentare delle sfide amichevoli. Questo articolo, tutto sommato, non è neanche male. La cosa più bella è che il testo contiene la descrizione di tutte le azioni più importanti della partita e questo modo di descrivere gli incontri lo utilizziamo ancora adesso, ovvio è che questa, essendo una partita di poco valore, non aveva una grande atmosfera e quindi non c’è stato molto da dire riguardo l’ambiente di quella serata.

Anche il terzo brano è stato importante. Un pezzo un po’ più sudamericano, diciamo. Il primo live testuale della storia del sito. Palmeiras-Universidad Catolica. Era l’inizio di uno dei nostri tipi di articoli preferiti. Infatti, di cronache in diretta, ne sono state pubblicate non poche, poichè questi articoli aiutano a conoscere meglio i giocatori e soprattutto sono divertenti da fare, anche se non semplicissimi. Visto che in quel periodo tutti i campionati europei erano fermi, il primo live o cronaca è stato fatto su una partita di Copa Libertadores. Non stiamo assolutamente dicendo che questo sia stato un modo di accontentarsi, perchè stiamo pur sempre parlando di uno dei tornei di calcio più importanti al mondo. La copertina non è di certo il massimo… sì: è uno screenshot del risultato finale preso da Google. Si capisce anche senza che qualcuno lo dica. Erano i primi giorni, non ci si preoccupava ancora delle grafiche e quindi sono stati usati i mezzi a disposizione, che non erano di certo il massimo.

Nei giorni successivi, gli articoli pubblicati sono stati tutti inerenti al mercato e ai rinnovi di contratto di giocatori o allenatori importanti. Un altro pezzo importante, uscito in quei giorni, è stato su Luke Shaw, quando segnò contro di noi in finale agli Europei. E’ stato fatto un articolo a riguardo perchè, quando mise a segno quella rete, aveva un paio di costole rotte. E’ un pezzo che va ricordato non solo per via di quello che aveva fatto l’inglese, ma perchè poi è stato inserito in un brano sull’anniversario della vittoria di quel titolo da parte degli Azzurri esattamente un anno dopo.

Poco più tardi, è uscito il primo episodio di una serie che sarebbe dovuta continuare, chiamata “Quando il calcio fa ridere”. In questi articoli c’erano appunto immagini e video sul mondo del calcio come gol mangiati a porta vuota, figuracce compiute dai giocatori in campo e qualunque altra cosa potesse fare ridere. Questo è collegabile al nome del sito, visto che ha un nome volutamente ignorante e quindi deve esserci qualcosa che si addica ad esso. Del resto, un grande allenatore di calcio, tra l’altro amante della pallamano, disse una volta, scherzando:

L’ignoranza è l’essenza della vita.

“Serie” come questa o come quella sui gol più belli della settimana non ci sono più per vari motivi: oltre al fatto che non si possono usare tutte le immagini che si vorrebbe, queste sono cose che si possono fare direttamente sui profili social del sito, che ai tempi non c’erano. Luglio è finito com’è cominciato: con dei pezzi sul calciomercato.

Agosto

Agosto non è stato tanto diverso da luglio, anche in questo mese sono stati pubblicati articoli sui trasferimenti estivi, tuttavia è uscito anche il primo sul mondo della Formula 1. E’ stato importante perchè, oltre al fatto che stiamo parlando di uno degli sport più seguiti al mondo, è stato un modo di ampliare dei temi dei pezzi su tutti altre discipline sportive. Quel Gran Premio lo ha poi vinto Ocon.

Tra gli articoli di quell’agosto che bisogna ricordare c’è quello sull’addio di Messi al Barcellona. Fu un avvenimento storico per tutto il mondo del calcio, che nessuno si è scordato.

In questi 31 giorni i temi sono stati questi, non ne sono stati introdotti di nuovi fatta eccezione per quello citato in precedenza. Anche qui, tanto mercato e poco altro.

Settembre

Settembre è stato un mese diverso, sono stati pubblicati meno articoli ma più lunghi e su temi più belli da analizzare. C’è stata poi la prima collaborazione del sito, ma non tra due scrittori di questo blog, ma con delle pagine o italiane o dell’estero. Parliamo di un pezzo su Jordan Henderson.

Poi, è uscita la prima (non fatta da noi) intervista. Erano delle dichiarazioni di Tammy Abraham, giocatore che la Roma aveva comprato nella sessione di mercato estiva precedente. L’inglese aveva raccontato di essere stato accompagnato da Drogba ad un allenamento. Aveva poi parlato dei suoi 5 attaccanti preferiti e aveva spiegato il perchè gli piacessero quei giocatori. Le dichiarazioni sono state trascritte da un video pubblicato dal club giallorosso sul suo canale Youtube, dove appunto c’era l’attaccante ex Chelsea che parlava dei suoi idoli.

Poi, altri live testuali, che sono tra i tipi di pezzi che più ci piace pubblicare ed infatti ne sono usciti non pochi.

Il 13 settembre è poi nata la pagina di TheHouseOfTheGunners, adesso Dial Square Italia, dove si parla esclusivamente dell’Arsenal. Di questa pagina ci sono i profili social ed ogni tanto vengono pubblicati anche qui dei pezzi sui Gunners, nella categoria “Dial Square Itaia”. Ecco un brano per capire meglio di cosa si tratta, anche se in realtà è uscito a mesi di distanza dalla pubblicazione della pagina.

Ottobre

Ottobre è stato un mese positivo per il sito. Infatti, è uscito per la prima volta un pezzo riguardo le citazioni famose nel calcio. E’ cominciato tutto senza scegliere un giocatore in particolare, ma parlando in generale delle più belle di sempre, come quella di Pelè che è stata adottata come motto del blog quando era appena nato. Frase che rappresenta ancora oggi il sito.

Un’altra pubblicazione importante è stata la leggenda di Kiricocho. Tutti ci ricordiamo di quando abbiamo vinto l’Europeo. Quel famoso rigore di Saka che mai dimenticheremo. Chiellini aveva urlato, al momento del tiro dagli 11 metri dell’Inglese:”Kiricocho”. Se volete capire meglio il perchè, trovate la spiegazione in questo brano, che è stato importante perchè, quando abbiamo pubblicato il pezzo sulla vittoria dell’Europeo, a distanza di un anno preciso da quella magica notte di Wembley, abbiamo citato questo articolo, che era stato fatto molto tempo prima.

Poi, è uscito anche un altro pezzo sul Pallone d’Oro, subito dopo l’annuncio dei 30 candidati. Un articolo che si può fare solo una volta l’anno, poichè i nomi vengono annunciati una sola volta e la cerimonia viene fatta poco dopo.

Oltre a questi… altri live. Stavolta per il profilo di TheHouseOfTheGunners, era ancora il vecchio nome.

E anche uno sulla Nations League.

Novembre

Novembre. Arriva la Regia. Un mese importante, infatti ci sono state delle pubblicazioni molto importanti. Cominciamo con l’ennesima cronaca, stavolta di Chelsea-Juventus.

Questi 30 giorni hanno avuto un valore importante perchè sono uscite delle serie che proveremo a continuare in futuro come ad esempio quella sui talenti e quella sulle curiosità sui calciatori.

Poi è arrivata la Reggiana. La prima volta a vederla allo stadio. Quel 14 novembre, in cui i Granata ospitavano il Cesena in una partita in casa che, ai tempi, valeva tantissimo per la classifica. Il Gruppo Vandelli festeggiava 30 anni dalla sua nascita. Nonostante l’incontro terminato con un pari a reti inviolate, è un pezzo storico per questo sito perchè era il primo di tanti articoli sulla Reggiana. E continueranno ad esserci anche durante la prossima stagione. Lo possiamo già dire: il 31 luglio ci sarà Palermo-Reggiana, il giorno prima usciranno le probabili formazioni e l’1 o il 2 agosto un articolo sulla partita.

A novembre, ci sono stati sempre dei pezzi riguardo le notizie, ma era già cambiato qualcosa, infatti erano di meno, ma più lunghi. Nel frattempo, i live testuali diventavano sempre più numerosi.

Dicembre

A dicembre è arrivato il live testuale pure dei sorteggi dei gironi di Champions League e, involontariamente, abbiamo dovuto fare uscire 3 articoli dato che è stato ripetuto.

Ovviamente non potevano mancare le cronache in diretta delle partite. Everton-Arsenal è stata una delle sfide guardate meno volentieri di sempre. Probabilmente, per via del risultato finale, è stato il peggiore live di sempre. Quella beffa finale e quel gol che Aubameyang si è incredibilmente divorato al 98′. E’ stato triste per la pagina sui Gunners, però non si poteva di certo tornare indietro ed eliminare il pezzo.

Il tutto è continuato con la ripresa del calciomercato, su cui sono usciti tantissimi articoli da dicembre a fine gennaio.

E poi, ancora Arsenal. Non solo con la partita contro il Sunderland, ma con uno dei pezzi più belli ed importanti del sito, in cui si parlava di Herbert Chapman, storico allenatore dei Gunners che vinse la FA Cup nel 1930 e rivoluzionò il calcio sul piano del gioco e della tattica.

Quest’ultimo è stato pubblicato a dicembre ma aggiornato nei mesi successivi, quando è stato arricchito con l’aggiunta della storia della divisa dell’Arsenal, che con questo tecnico c’entra, se leggerete quell’articolo capirete il perchè. Poi sono state inserite altre immagini ed altri brevi racconti, con anche un piccolo miglioramento delle descrizioni. Il blog aveva dunque dei temi chiave su cui scrivere e su questi venivano pubblicati diversi pezzi, come i live testuali e il mercato, su cui era ripresa la serie iniziata a luglio dove ogni giorno si diramavano le news più importanti.

Chapman aveva rivoluzionato il calcio e aveva trasformato l’Arsenal. E, incredibilmente, aveva fatto la stessa cosa con il sito. Infatti, il pezzo su di lui è stato il primo racconto di una squadra storica. Il primo di molti altri. Altri live? Ovvio, eccoli:

Gennaio, arriva il nuovo anno

Gennaio non è stato diversissimo dal mese che lo aveva preceduto, ma sono stati 31 giorni in cui sono arrivati dei cambiamenti per questo blog. Mercato e live non sono mancati, ma sono arrivati alcuni articoli su temi d cui avevamo parlato ancora troppo poco.

Questo mese è stato infatti la rappresentazione di quello di cui parlavamo all’inizio: un misto tra notizie e racconti di vecchie storie. A tre giorni di distanza dal Capodanno appena festeggiato, è uscito un pezzo su Beckenbauer, che parlava di quando il Kaiser giocò contro di noi con una spalla lussata.

Il 5 gennaio, è uscito un pezzo sulla nascita del Manchester United, dove abbiamo parlato di come aveva preso vita una delle squadre più importanti di sempre.

Nell’articolo successivo abbiamo parlato di nuovo di un club importantissimo, il primo mai nato: lo Sheffield FC. Un articolo molto importante per la storia del blog, forse anche uno dei migliori.

Inoltre, una piccola curiosità: ai tempi, c’erano già i profili social del sito e si utilizzavano per avere ufficialità sul mondo del mercato e per condividere gli articoli che venivano scritti. Anche questo è stato condiviso ed è piaciuto a Ryan Cresswell, manager proprio dello Sheffield FC. Intanto, gli articoli sui trasferimenti invernali andavano avanti. Poi, Eric Cantona, giocatore simbolo di questo sito, a cui abbiamo dedicato più di un articolo, ha rilasciato delle dichiarazioni sul Mondiale in Qatar ed è stato molto critico sul fatto che la Coppa del Mondo si giocherà in questo Paese.

Andando avanti, sono arrivate altre interviste (neanche queste fatte da noi) che abbiamo trascritto poichè erano interessanti ed era bello fare uscire questi pezzi.

A fine mese è stato pubblicato un altro articolo storico per il sito, in cui si parlava di Bert Trautmann, un indimenticabile portiere del Manchester City che vinse una FA Cup con il collo rotto e che aveva combattuto per la Luftwaffe durante la Seconda Guerra Mondiale.

Finiva così un mese in cui il sito aveva subito tanti cambiamenti.

Febbraio

Febbraio è stato un periodo molto bello per questo blog. Innanzitutto, dopo troppo tempo dall’ultimo pezzo sulla Regia, è stato pubblicato un nuovo articolo sui Granata. Il terzo giorno del mese è uscito l’articolo su quel Reggiana-Modena, derby indimenticabile. Quando parli di derby, parli di atmosfera. Quella è stata la cosa più bella da descrivere. A questo articolo si può fare una critica: il modo di parlare è stato troppo sportivo. Oggi, sicuramente, la foto della curva del Modena non sarebbe mai stata messa neanche per mostrare le due tifoserie. Per lo meno, la splendida copertina può fare dimenticare questo. La Reggiana è l’unica squadra di cui parliamo qui tutte le volte che gioca. L’unica. Non sono mai stati pubblicati articoli su: Modena, Parma e Sassuolo. E mai verranno pubblicati. Stiamo bene senza. Si parla sempre in maniera corretta di tutte le squadre, ma queste sono delle eccezioni.

Ormai è inutile etichettare con la parola “storico” qualunque pezzo parli di qualcosa di indimenticabile per il mondo del calcio. Tutti gli articoli importanti in questo sito sono quelli in cui si parla di storie vecchie che vale la pena continuare a raccontare. L’articolo sulla rovesciata di Marco Van Basten è uno di questi.

Sono poi continuati i pezzi sulla Regia e, come già detto, ne parleremo fino a giugno.

Poco più tardi, è arrivato un altro scrittore a darci una mano e, come primo pezzo, ha fatto questo:

Le dichiarazioni che leggerete ora sono state rilasciate da lui:

Posso dire che da sempre ho una passione per gli articoli, mi piace scriverne soprattutto riguardanti il tema dello sport. Così, quando l’admin del sito mi ha proposto di aiutarlo con questo suo blog, che aveva già da un po’, non ho esitato molto ad accettare. Purtroppo, in quel periodo tra scuola e altri impegni non sono riuscito a scrivere molto, però ho cercato di fare il mio. Ricordo ancora il mio primo articolo, che parlava dello spostamento della finale di Champions da San Pietroburgo a Parigi. Da lì in poi ho cominciato a scrivere una serie di articoli, di cui alcuni riguardanti il ruolo nel calcio che mi piace di più, il portiere. In questi pezzi parlavo principalmente di storie di giocatori e di leggende sportive, mettendo sempre alla fine una sorta di “morale”. Con i mesi successivi ho avuto un blocco per via di una serie di impegni, ma in estate ho cominciato a scrivere più spesso. Inoltre, sempre in quest’estate, abbiamo deciso di avviare un altro progetto, ovvero “Poche Palle Mercato”, una pagina Instagram in cui, come si può intuire dal nome, trattiamo argomenti inerenti al mercato, ai rumors e alle trattative in generale. Ammetto di andare parecchio orgoglioso di questo, sia della pagina del mercato sia del sito principale, ma per questo dobbiamo ringraziare l’admin per riuscire a trovare sempre nuove idee da proporre. Tra i vari che ho fatto, quelli che penso mi siano venuti meglio (e che sono anche i miei preferiti) sono sicuramente: l’articolo su Scirea, dove parlo di uno dei giocatori più forti della storia del calcio, che non viene ricordato mai abbastanza. Però, il mio preferito in assoluto è quello su Gigi, il più grande portiere della storia del calcio, dove parlo della storia della sua carriera. Probabilmente ne vado orgoglioso anche per il lavoro che ci ho fatto dietro all’articolo e anche perché Buffon posso definirlo un po’ il mio idolo. Infatti è lui che mi ha avvicinato al ruolo del portiere (oltre ai miei amici che mi mettevano in porta perché fuori facevo cagare). Un altro articolo che mi ha toccato particolarmente scrivere è quello su Christian Eriksen, il centrocampista danese ora in forza al Manchester United, e sulla sua storia dopo il malore in campo avuto contro la Finlandia. Mi è piaciuto molto raccontare la forza di volontà di questo giocatore, che nonostante tutto ha trovato il coraggio di ritornare in campo. In generale, sono orgoglioso di essere in questo sito, per quello che scriviamo e soprattutto per quello che si propone di fare, ovvero trattare di argomenti di calcio diversi dal solito e fuori da quello che ormai la gente vuole sentire.  

  

E’ poi scoppiata la guerra in Ucraina, ricevevamo notizie da fonti molto importanti su cosa stesse realmente succedendo. Anche noi abbiamo deciso di scrivere qualcosa a riguardo e abbiamo parlato delle dichiarazioni di De Zerbi rilasciate in quei giorni ad Italperss. L’ex Sassuolo ha infatti raccontato come stava vivendo quei terribili giorni e quell’intervista, anche se non nostra, la ricorderemo ancora tra tanti anni, sperando poi che questo conflitto finisca.

Poi, unendo live testuali e Reggiana, è stata pubblicata una cronaca in diretta della trasferta di Gubbio. Viene meglio scrivere articoli sulle azioni principali della partite il giorno dopo e infatti, a partire, dalla prossima stagione, probabilmente non verranno più pubblicati live sulle partite della Regia ma, tutte le volte che ci sarà una partita dei Granata, sarà pubblicato un articolo su di essa il giorno dopo o comunque durante il corso della settimana successiva.

Sulla pagina dei Gunners, è stato pubblicato un pezzo molto diverso dal solito, che è questo qui, non anticipiamo nulla però.

C’è poi stato un altro ritorno allo Stadio Città del Tricolore per vedere Sassuolo-Roma, su cui è uscito un articolo (ovviamente non si parla principalmente del Sassuolo, è una descrizione di tutti i gol e di tutte le azioni).

Poi c’è stato lo Stoke City, un altro pezzo molto bello, soprattutto per via della storia. La nascita di questo club è infatti molto interessante e, se vi va di leggerla, la trovate qui:

Marzo

Marzo è cominciato con un articolo su Roy Keane, intitolato I’ll see you out there. Quel famoso litigio con Vieira, con anni e battaglie sul campo alle spalle. Uno dei tanti momenti in cui la leggenda dello United ha mostrato di avere un carattere unico e una personalità che quasi nessuno ha.

Poi c’è stata Reggiana-Pontedera, un’altra partita dei Granata, giocata tra l’altro molto bene dalla squadra allenata da Diana, incontro su cui è stato pubblicato un articolo, un altro pezzo sulla Regia.

Dopo una tripletta segnata da Lewandowski in Champions, è uscito un pezzo riguardo a quella splendida prestazione della macchina da gol polacca, che ha appena firmato per il Barcellona.

Tutto è andato avanti con i soliti pezzi sulla Reggiana. Senza stare a mettere il link qua sotto di nuovo, ricordiamo che sono nella categoria “Reggiana” qui sul sito. Quella sulla Vis Pesaro, però, sì, a differenza di quella con la Lucchese non finita nel migliore dei modi, la proponiamo di nuovo.

Dopo ci sono state altre pubblicazioni per la pagina sull’Arsenal, come questa ad esempio.

Ed è uscito un altro pezzo sulla Formula 1.

Ancora Regia.

Poi la delusione: la seconda mancata qualificazione di fila ai Mondiali. E’ dunque stato fatto un articolo in cui sono state trascritte le parole rilasciate da Roberto Mancini. Eccolo.

Un altro racconto molto bello, uno dei migliori mai pubblicati qui, è quello su Goodison Park. L’idea iniziale era quella di fare una sorpresa a un tifoso dell’Everton che ci ha aiutato spesso con i pezzi che abbiamo scritto. In realtà, si è trasformato tutto un po’ nell’opposto, infatti abbiamo approfittato della sua conoscenza sul calcio inglese, in particolare sui Toffees e abbiamo pubblicato questo brano sullo stadio dei Blues.

Poi è stato scritto quello che per molto tempo è stato il brano più lungo da leggere sul sito, ovviamente si parlava di una partita della Reggiana. Ci vuole un quarto d’ora per leggerlo.

Aprile

Aprile è stato un altro periodo importante per questo blog. Già da tempo l’idea di scrivere notizie era stata abbandonata e il sito aveva tra i suoi temi i racconti di storie importanti nel mondo del calcio, la Reggiana e un po’ di Formula 1. In questo mese, sono stati scritti alcuni tra i migliori pezzi mai fatti.

Il primo articolo uscito ad aprile parlava delle divise di Juventus, Arsenal e Sparta Praga, che, in qualche modo, sono collegate, anche grazie a due squadre di Nottingham molto importanti che hanno una rande storia.

Ovvio è che Reggiana ed Arsenal non sono poi mancate.

Più tardi è uscito un articolo davvero importante sui Granata, dato che era la prima volta in curva. Reggiana-Virtus Entella, una partita decisa da un gol di Rosafio che aveva fatto esplodere lo stadio.

Arriviamo ad un articolo ignorante, che si addice perfettamente al nome del sito. Qui si parlava di come tutti quanti giocassimo a calcio da piccoli. Quindi con tutti i giochi che facevamo, aggiungendo poi la parte migliore, dove abbiamo parlato di quanto bello fosse questo per via della spensieratezza che si aveva in quell’età. Non c’era ancora abbastanza ignoranza e quindi abbiamo deciso di parlare degli stereotipi (capirete meglio leggendo) e di come tutti quanti abbiamo almeno una volta perso un pallone, mettendo le immagini dei luoghi più assurdi dove sono stati ritrovate delle palle, più che altro dei reperti archeologici, lanciate da qualcuno che ha trasformato una zona che con il calcio non c’entrava nulla nel proprio campo.

C’è stata poi una novità anche nella pagina sull’Arsenal, che aveva già cambiato nome. Infatti, pian piano, sono state introdotte anche le pagelle delle partite dei Gunners.

E’ poi stato pubblicato un articolo per il 26 aprile, anniversario di quando i Gunners vinsero la loro prima FA Cup guidati da Herbert Chapman, un allenatore già citato che fece la storia di questo club e rivoluzionò il calcio.

Un pezzo unico sarà sempre quello sulle Isole Scilly, dove si gioca il campionato più piccolo al mondo. Ci sono soltanto 2 squadre. Un’idea non nostra ma di quel tifoso dell’Everton già citato prima…

Maggio

Iniziamo ad entrare nei mesi più recenti di questo sito. Si parlava già tanto di calcio inglese ma, da qui in poi, gli articoli sul football d’oltremanica sono stati sempre di più.

Il primo pezzo è stato su Eric Cantona. La copertina dice già tutto. Quel calcio al tifoso del Palace. Non è stato scritto per l’anniversario di quando è successo (anche se il 25 gennaio prossimo lo riproporremo) era stato fatto semplicemente perchè è un racconto molto bello e, prima o poi, sarebbe dovuto uscire qualcosa a riguardo.

Dopo c’è stato l’addio di Insigne al Napoli, che, per tanti sostenitori partenopei è stato difficile da sopportare. Una storia splendida di un giocatore diventato un’icona di questa squadra, dopo avere dimostrato di amare la sua città, rappresentandola per tantissimi anni.

E’ poi stato pubblicato l’ultimo articolo sulla stagione della Reggiana. Quando siamo stati eliminati dalla Feralpi ai play-off. E’ stato un brutto modo di perdere ma ci rialzeremo. E’ passato troppo tempo dall’ultimo pezzo sulla Regia, ma quest’attesa verrà presto interrotta, dato che Palermo-Reggiana è una partita sempre più vicina.

Il mese è stato poi concluso con un pezzo sui cori più belli della tifoseria dell’Arsenal, un articolo per la pagina di Dial Square Italia.

Giugno

Forse il mese più bello. Questo potrebbe essere stato il periodo migliore. Infatti, sono stati pubblicati dei pezzi su argomenti interessanti e non sono stati neanche pochi. Sono stati quindi i primi 30 giorni della storia in cui c’era tempo e dove già si parlava soltanto di storie e non di mercato. A giugno, è entrato a fare parte di questo blog un altro scrittore, tutte le citazioni che vedrete d’ora in poi sono state rilasciate da lui.

Io ho deciso di entrare a far parte del sito grazie alla mia passione per il calcio, che ho da tanto tempo, ma non avevo mai pensato di aprire un sito internet e iniziare a scrivere sul calcio. Però il proprietario del sito mi aveva chiesto se potevo iniziare ad aiutarlo a scrivere articoli, gli ho detto sempre che avrei voluto, ma facevo fatica. Allora, quest’estate, più libero dai vari impegni, precisamente il 19 giugno, gli ho detto che mi sarei reso disponibile a dargli una mano.

Tutto è cominciato con un articolo sulla Conference League. La Roma aveva vinto il trofeo a Tirana e, dopo tanti anni, una squadra italiana era tornata a vincere una competizione europea. Bisognava scrivere qualcosa su questo evento e quindi è stato fatto un pezzo sull’impresa dei Giallorossi.

E’ stato poi scritto un articolo sulla rivalità tra Wimbledon e Milton Keynes Dons, anche questa idea non nostra… intuite di chi. Una storia molto bella, è stato giusto parlarne in un brano.

Poi è ripresa la storica serie sul mercato, fatta più che altro per il valore simbolico. Infatti, con un articolo appunto di quella serie, era cominciata l’avventura su questo blog. Adesso, non la facciamo più perchè, come già detto, preferiamo fare solo pezzi su storie del mondo dello sport molto belle che vale la pena raccontare. Tuttavia, per non cancellare completamente questi articoli e per continuare a parlare di mercato, abbiamo aperto sui social la pagina di Poche Palle Mercato.

Da tempo, conoscevamo questa splendida foto scattata in Indonesia, abbiamo dunque pensato di parlarne in un brano, che trovate qua sotto.

Il primo pezzo a cui ho collaborato fu quello su Diego Armando Maradona, che uscì il 22 giugno, questa non fu una data a caso, perchè, il 22 giugno 1986, Maradona segnò due reti storiche: la “Mano de Dios” e il gol del secolo, che realizzò nel giro meno di 5 minuti. A questo articolo, ho solo collaborato, non è stato fatto interamente da me, in quanto era stato scoperto dal proprietario che era l’anniversario di quando Maradona scrisse la storia, così decidemmo di fare un brano su quei due gol.

E dopo, ancora King Eric. Un pezzo in cui abbiamo parlato delle sue frasi più belle ed indimenticabili.

Sulla pagina di Dial Square Italia è poi stato pubblicato un primo articolo di una serie che verrà portata ancora avanti nei prossimi giorni. Chelsea-Arsenal, storica vittoria per 2-4 a Stamford Bridge. Sarà un insieme di pezzi in cui parleremo delle partite migliori della storia dei Gunners.

Il mio articolo preferito, invece, è quello sull’Estudiantes de La Plata, pubblicato il 30 giugno. Fu sempre l’admin a propormi questo articolo (infatti lo facemmo in due), accettai e mi divertii molto a farlo. L’idea nacque dal fatto che Daniele Adani, meglio conosciuto come Lele Adani, parlava molto di calcio sudamericano e una delle squadre più interessanti, per storia, secondo noi, era l’Estudiantes de la Plata, squadra che milita in Liga Profesional Argentina. Mi è piaciuta molto la storia, tant’è che il club nacque grazie a degli alunni di una scuola della città di “La Plata”. Ed è bello pensare come degli studenti abbiano fondato una squadra di calcio, quindi fu una dimostrazione di fin dove possano arrivare le emozioni che trasmette questo bellissimo sport.

Luglio

Il mese in corso. Anche questo si sta rivelando molto bello, ricco di articoli fatti in gruppo.

Il 1 luglio, è stato scritto e pubblicato l’articolo sull’Old Firm. Come mai Old Firm? E’ il derby tra Celtic Glasgow e Glasgow Rangers, una partita sentitissima in Scozia, che divide il paese in due parti: cattolici del Celtic e protestanti dei Rangers. E’ questa la grande divisione. Ma sappiamo tutti che il calcio scozzese non potrà mai competere con i più grandi campionati europei (come Premier League, Liga, Bundesliga, Serie A e Ligue 1), infatti  due motivi principali della scelta di questo articolo sono che la partita in questione è uno dei derby più sentiti al mondo; l’altro riguarda la storia stupenda dei due club e quella del derby (che si è giocato 430 volte). Articolo lunghissimo, venuto molto bene, che però ha dovuto richiedere una seconda persona per completarlo.

Il 2 luglio, si giocava la partita Fluminense-Corinthians, valevole per la 15° giornata di Brasileirão Série A. Allora, io e l’admin del sito avevamo deciso di fare un live testuale di quella partita, ovvero guardare l’incontro e scrivere un articolo sugli avvenimenti più importanti della sfida. Abbiamo deciso di fare in questo modo: per 10 minuti scriveva uno dei due e per i successivi 10 minuti l’altro, quindi ci alternavamo. E devo dire che, alla fine, questo è stato il modo migliore, perché se avessimo scritto per un tempo a testa, sarebbe stato molto più faticoso, invece in questo modo siamo riusciti a fare bene il pezzo, divertendoci anche. Ed è anche questo lo “spirito” del sito: scrivere articoli in maniera discreta, che hanno come fine il divertimento.

L’articolo, non il più bello che ho fatto secondo me, ma quello di cui vado più fiero è quello sul Boca Juniors, nonché il mio primo pezzo fatto completamente da solo, pubblicato il 5 luglio. Questo è già il secondo articolo su una squadra sudamericana, argentina per la precisione, di cui ho parlato. Il motivo è sempre lo stesso di prima: Lele Adani è un grande appassionato di calcio sudamericano e ne parla molto. Una delle squadre più famose in Sudamerica è il Boca Juniors, allora ho deciso di approfondire la questione parlando di storia e titoli del club. A mio parere, è venuto fuori un bell’articolo, considerando che questo è stato il primo che ho fatto completamente da solo.

Durante la Prima Guerra Mondiale, nel periodo delle feste, gli eserciti si erano clamorosamente fermati e avevano iniziato a fraternizzare, organizzando addirittura delle partite di calcio. Un argomento bellissimo su cui scrivere qualcosa e, infatti, abbiamo pubblicato un articolo a riguardo.


Sam Bartram fu un portiere indimenticabile che, durante una partita di FA Cup contro il Chelsea, rimase in campo anche quando la partita era stata sospesa per colpa della nebbia poichè non si era accorto di quello che era successo. L’estremo difensore del Charlton dei tempi è dunque diventato protagonista di uno dei nostri pezzi poco dopo l’uscita del brano sulla tregua di Natale.

Un altro articolo scritto assieme all’autore del pezzo sul Boca è stato sul Mondiale, per la maggior parte fatto da lui.

Uno degli articoli più significativi del sito è quello sulla Coppa del Mondo del 2006 dell’Italia. Non è stato così complicato trovare l’idea, è bastato collegare due cose: il 9 luglio di 16 anni fa, gli Azzurri hanno vinto il Mondiale e così abbiamo deciso di fare un articolo a riguardo e pubblicarlo quel giorno, precisamente, questo pezzo è uscito alla mezzanotte tra l’8 e il 9 luglio, in modo che fosse visibile sin dal primo minuto del giorno dell’anniversario. La produzione dell’articolo è stata molto faticosa, tant’è che anche qui mi sono fatto aiutare. L’articolo consiste nel ripercorrere il cammino dell’Italia al Mondiale del 2006, descrivendo l’andamento di tutte le partite. Insomma, abbiamo fatto una sorta di “cronaca” per ricordare cosa ha fatto l’Italia in quel Mondiale.

Poi, pure l’Europeo, ad un anno esatto da quella notte sotto al cielo di Wembley.

C’è anche un articolo simile a quello sul Mondiale, questa volta non si parla di Coppa del Mondo, ma di EURO 2020, l’Europeo che si sarebbe dovuto giocare nell’estate del 2020, ma che, a causa della pandemia, è stato giocato nel 2021. La struttura dell’articolo è identica a quello sul Mondiale: “cronaca” per rivivere le emozioni dell’Europeo degli Azzurri. Ormai sembra una cosa normale, ma anche qui c’è stato il lavoro di due persone. Nell’articolo del Mondiale, mi sono fatto aiutare io, allora, per ricambiare il favore ho deciso di contribuire alla realizzazione di questo articolo, che probabilmente è il più lungo da leggere che si possa trovare sul sito. Anche questa volta, il pezzo non è stato pubblicato in un giorno a caso ma allo scoccare della mezzanotte tra il 10 e l’11 luglio.

Meazza non ha bisogno di presentazioni. Semplicemente, dopo aver studiato a modo la carriera di uno dei più grandi giocatori della storia del calcio, abbiamo deciso di pubblicare un articolo raccontando tutto ciò che di straordinario aveva fatto.

In qualche modo, ci siamo poi imbattuti nella storia del Penistone Church, un club non molto famoso ma che ha davvero una storia interessante, a partire dalla nascita. Dunque, abbiamo parlato anche di questa squadra in un pezzo.

C’è stato poi suggerito, sempre da quel tifoso dei Toffees, di fare un articolo sulla squadra più antica della storia del calcio scozzese.

Uno degli articoli più recenti è quello sul Queen’s Park FC, siamo sinceri: non è stata una nostra idea ma di Luca Ferraboschi, è stato lui a consigliarci di fare un pezzo sulla prima squadra del calcio scozzese. E adesso ci aiuta anche nel rivisitare gli articoli. Nella correzione, infatti prima di essere pubblicati, passano da lui. Dunque, lo ringraziamo. L’articolo è stato bello da fare, il Queen’s Park ha una bella storia e non ha vinto poco. Andare a vedere le origini di un club non molto conosciuto, ma che è il primo della Scozia e ad oggi fa parte del Club of Pioneers (associazione di cui fanno parte tutti i club del mondo nati per primi nella loro nazione), è stato bello e interessante.

Adesso passiamo proprio ad uno degli ultimissimi, non che quello sul Queen’s Park sia vecchio, ma questo di cui parleremo adesso è ancora più recente. L’argomento? Il calcio-balilla

Se vogliamo essere ancora più recenti, c’è l’articolo sul calcio-balilla, pubblicato 3 giorni fa. Questo è un brano particolare, diverso rispetto agli altri, proprio perchè si parla del biliardino, uno sport inerente al calcio, ma che non riguarda un qualche calciatore, una squadra o un miracolo calcistico, bensì un gioco, che qualsiasi persona può praticare, infatti nacque proprio per divertimento e forse per avvicinare le persone al calcio, giocando su un tavolo con degli omini che devono spingere la palla in porta. Quindi, questo articolo è la dimostrazione che il sito tratti anche di divertimento (pur sempre che c’entri col calcio).

E poi c’è stato l’Hammarby, un pezzo su una squadra svedese con una storia calcistica molto bella.

Siamo arrivati all’ultimo articolo al quale io ho collaborato (non l’ultimo pubblicato): storia dell’Hammarby, squadra svedese di origini vecchissime, grandissima storia e tante speranze di vittoria. Una piccola realtà, che in campo nazionale ha quasi sempre fatto bene. Fare la storia di un club del genere è stato interessante, perché non tutti conoscono l’Hammarby, in quanto in campo internazionale non ha mai brillato. Però andare a vedere le storie di questi club, che brillavano moltissimi anni fa e adesso sono finiti nel dimenticatoio, è davvero molto interessante.

La firm più violenta d’Inghilterra. Una squadra nata in un pezzo di terra in mezzo al Tamigi. Già questi due elementi possono fare capire perchè sia valsa la pena di parlare del Millwall, un club unico. Poi, c’è anche quel derby con il West Ham, su cui uscirà presto un pezzo, perchè non può mancare quando si parla dei Lions.

Dunque, facciamo il punto della situazione: Pochepalle.it è un sito internet che da un anno esatto pubblica articoli riguardanti il calcio, un mondo vastissimo e bellissimo. Abbiamo visto moltissimi articoli, che dal 21 luglio dell’anno scorso sono stati pubblicati, sono tantissimi, e qua ne abbiamo rivisti moltissimi di quelli che abbiamo scritto. Dal 21 luglio dell’anno scorso, si sono aggiunte 2 persone, da 1 siamo diventati 3, quindi adesso la pubblicazione di articoli è più frequente, con quasi un articolo al giorno. Diciamo che l’essere diventati 3 è stato solo di buon auspicio. Molti articoli sono stati scritti in 2, se non in 3 (Maradona, Estudiantes, Old Firm, Live testuale Fluminense-Corinthians, Mondiale 2006, EURO 2020, Queen’s Park, calcio-balilla, Hammarby). La pubblicazione di articoli sul sito continuerà, certamente, anche in futuro. Abbiamo tantissime idee interessanti e molte si stanno sviluppando anche adesso.         

Lascia un commento